giovedì 28 aprile 2011

Festa funerea alla nostra decadenza spirituale.



Ci sono persone che più si conoscono e più si apprezzano e si fanno apprezzare per le loro qualità. Un caro amico di questi e sua moglie ci fecero visita al Tracciolino. Era il giorno di "Pasquetta", giornata dedicata appunto alle gite 'fuori porta'. Durante una piacevole conversazione mi chiesero cosa pensassi di Giovanni Paolo II, probabilmente anche in seguito al gran parlare che se ne fa oggi intorno alla sua beatificazione. Torno sull'argomento.

Un argomento che è di quelli che rimestano la nostra coscienza dal profondo, perchè ci mettono in gioco in prima persona, negli affetti e non solo. Gli ho dato una risposta, una mia opinione.

Ma questo è anche uno di quegli argomenti che portano lontano. Non si smette mai di ritornarci su. E per me, questo accade da diverso tempo.

Portano alle scelte dei miei ultimi anni, che poi rivelano una lunga incubazione, e non sono affatto frutto di improvvisazione intellettuale, se vogliamo, da parte di una persona di una certa cultura. Implicano le profonde e lontane ragioni che mi hanno fatto maturare nel tempo la convinzione, dolorosa, che la Chiesa di Roma sia oggi un'organizzazione eterodiretta in buona parte, ed in parte guidata dal suo interno, come già da elevata posizione affermava San Pio X, da personaggi intrisi di modernismo, da un perverso e malefico "Pastore", (si può parlare tranquillamente di "Santi di Satana") che sta conducendo le sue pecore al macello o verso l'abisso conclusivo, escatologico. Dante parlava di pecore che tornano all'ovile, dopo essersi "pasciute di vento", più vuote di prima. Vale a dire, in buona metafora, che il "Pastor di Roma" continua, da all'ora, quell'opera maligna di affamare e svuotare il suo gregge.

Con un dispiego massmediatico di prima grandezza, che non si ottiene senza aver venduto l'anima per accappararsi l'appoggio dei potenti della Terra, si consumerà un'ennesiama macellazione di quella cristianità occidentale cui apparteniamo, al meno in parte, e nonostante tutto, se non altro per i legami con i nostri figli, padri e nipoti, con la nostra gente. Legami che giorno dopo giorno, democrazia e cristianesimo falsificato vanno pazientemente erodendo.

Non è gradevole assistere a questo spettacolo. Fermenta nell'anima l'ansia messianica del riscatto, l'attesa della liberazione. Ma, nel frattempo, a volte, il peso dell'umana mattanza sembra insopportabile.

Non desidero appesantire questa nota con tediose divagazioni teologiche. Si può forse riassumere il tutto sotto il nome di "teologia della continuità". La continuità, cui si fa riferimento qui, è quella tra Chiesa e Sinagoga. Questa continuità tradisce secoli e secoli di storia cristiana. Tradisce il Vangelo. Non lo affermo, lo ricordo semplicemente. Le spaccature, contrapposizioni e lacerazioni, le accuse reciproche, e le lotte per combattersi, tra tradizionalisti e modernisti, per quanto prive di ragion d'essere possano sembrare, purtroppo, al contrario, sono oramai da tempo una realtà consolidata, fors'anche incontrovertibile. La Legge di Dio, se veramente è tale, dovremmo tutti convenire, che è imperfettibile. A fortiori, da e in nome dell'Uomo.

Padri e Dottori della Chiesa si potrebbero citare e di fatto vengono citati da quelle voci cminoritarie che restano inascoltate. Restano sepolte sotto i megaschermi e gli "eventi" di manipolazione globale. Chi gliene importa di S. Tommaso, S. Alberto Magno o S. Gregorio Magno, solo per far dei nomi, tra molti altri?

Li riassumo in questa immagine. Ecco cosa pensava lo spirito cristiano dell' "ermeneutica della continuità".

Questa è la rafffigurazione della Sinagoga, derelitta e sciagurata per non aver saputo riconoscere la Verità. L'immaggine di un dettaglio di una cattedrale medievale val più di mille parole fatte oggi.
Così la pensavano, e così dovremmo continuare a pansarla.

Ora invece si beatifica, e presto di santificherà uno dei massimi artefici del capovolgimento e del tradimento della Chiesa di Roma. Se a fronte di ciò, consideriamo che il processo di beatificazione di Pio XII è bloccato in quanto non gradito ai nostri "fratelli maggiori", a voi spetta di trarne le conclusioni su chi veramente è al comando della Chiesa di Cristo.

Ricordo con nostalgia le sere di maggio, quando ansiosi i bambini si disputavano l'onore da far da chierichetti, nei riti serali durante il mese dedicato alla Santa Vergine. I profumi dell'incenso ,che copioso sbuffava, si intrecciavano con quello della primavera, quello dei fiori che a maggio si aprono come incensieri naturali. Le rose sbocciavano come i primi sguardi non più innocenti, ma non ancora impuri, che ragazzi incrociavano quelli fuggitivi delle fanciulle, tra le corse e risatine soffocate dal pudore virginale. Le donne, severe, con il velo. Bianco o nero.

I bombi ronzavano tra i fili d'erba e le lucciole danzavano come gioiosi lumiccini.

Crescendo un'amara sequela di tradimenti e di delusioni; col maturare dei ragionamenti e degli studi, cocenti ipocrisie, fessure tra il dire ed il fare che si allargavano ogni giorno di più. Nemici interni ed esterni, alleati innaturali ma ben agguerriti, banchettavano sui resti di quel che rimaneva di un'antica civiltà cristiana, romana. E fuggi. Fuggi sulle montagne. Come Zaratustra. La meta è sempre la spessa, poter cogliere la presenza dell'Uno.

Con altalenanti entusiasmi e cocenti cadute arriviamo a domenica prossima. Non difficile indovinare che impazzerà un'avvilente stupidità studiata nei dettagli, una rassegnzione, una perdita di virilità, un ammaestramento di massa mondiale, montagne di merchandising e patacche, immagini via satellitare, ma perchè non aspettarci anche che non spingerà i pensieri di molti a riprendere le armi del risveglio e a dirigere la loro prora lontano e contro tradimenti e traditori, a ridiventare padroni delle nostre menti e dei nostri spiriti? A riprendere le strade antiche, Chiesa o non Chiesa, dei nostri avi?

Coaguliamo i nostri migliori intenti sulle cime montane, nella solitudine dei picchi e le asprezze delle rive e dei boschi, medicine rigenerative per lo spirito indebolito. Ciò che non è mai nato, non può morire! Questa battaglia non ha prezzo.

Sullo sfondo, intanto, una voce elettronica gracchia di bombardamenti umanitari e di torme di genti bramose di accedere a questo'dorato' Nulla.





4 commenti:

  1. Condivido l'appello finale:"Coaguliamo i nostri migliori intenti sulle cime montane, nella solitudine dei picchi e le asprezze delle rive e dei boschi, medicine rigenerative per lo spirito indebolito. Ciò che non è mai nato, non può morire! Questa battaglia non ha prezzo. "
    Io non sono cattolico, anche se sono legato nel bene o nel male al cristianesimo.Nè posso confrontarmi quindi sul dibattito tradizione/modernità della Chiesa. Nella mia infanzia ho fatto il chierichetto e leggevo il vangelo. Lo spettacolo più indecoroso, tra i tanti che hai elencato, è a mio avviso la riesumazione del Papa: i cattolici dovrebbero pregare per le anime... perchè quest'ossessione del corpo e dell'immagine del Papa, stampata dappertutto? La tomba, anche per un laico (ricordare i Sepolcri di Foscolo) rimanda ad un senso di rispetto e alla memoria dei cari.. perchè profanare? E' prima di tutto una questione di buon senso. E' un mondo strano questo, dove chi si proclama religioso, spesso mi appare più "materialista" di chi si proclama magari ateo...Allora è giusto l'apello di questo post, seppure io l'interpreto da tutt'altro punto di vista: se c'è una spiritualità da ricercare, se c'è qualcosa che ci fa pensare al sublime, ad una dimensione "altra", superiore, la voglio ritrovare sui picchi montani, nei fiori di primavera, nel cambio delle stagioni, nell'affetto verso le persone autentiche, o negli occhi di un animale. .. "Dio, se volete..."

    RispondiElimina
  2. Grazie per la tua riflessione.
    Esponi ragioni che non si possono non condividere.
    Hai ragioni da vendere.
    Aggiungerei l'osservazione, che si inserisce in linea con quanto tu hai scritto, del processo di 'sangennarizzazione' del neo-Beato, per cui già girano ampolle del suo sangue... a proposito di idolatria e mass media.
    Tragica e ridicola ad un tempo, come il funerale in mare del fantomatico 'osama bin laden'! (A proposito, che sia opera liberatoria del Beato anche questa?)
    Quanto alla inversione di polarità, che giustamente rilevi, tra religione e materialismo, cogli certo nel segno! Direi che questo fenomeno è stato notato e studiato dai maestri della Tradizione, e è peculiare del carattere 'sovversivo', nel senso etimologico del termine, dell'attuale momento storico della fase ciclica che stiamo attraversando. Non renderemmo un buon servizio alla verità se contrapponessimo il 'modernismo cattolico' all'autentico 'tradizionalismo', che può dirsi anche cattolico, poichè altro non è che un aspetto peculiare dello 'spirito della modernità' dominante.
    E questo non da oggi.
    Di Gesù, ma anche Empedocle, due grandi anime - se vogliamo esprimerci così - sono ricordati entrare, l'uno in Gerusalemme e l'altro in Agrigento, accolti dalle urla e schiamazzi, tra il burlesco e il canzonatorio,dei ragazzi, che assomigliano di più a dei dileggi sonori tipici e che ancora oggi si può vedere in alcune situazioni urbane paesane, manifestazione della vivacità meditarrenea! Vedi anche le risa sollevate da Zaratustra quando scende dalle sue solitarie cime!
    L'inversione dei poli che tu hai osservato, certamente ha a che fare con quella che viene simbolizzata con la 'caduta', sia dallo stato adamitico, sia di quello luciferino; con la simbologia dell'albero capovolto dalle 'polarità' - rappresentate dai rami e delle radici - non semplicemente 'caotiche', ma 'ordinate' in senso inverso.
    Un caro saluto, è stato un piacere leggere il tuo intervento.

    RispondiElimina
  3. Grazie. Bin Laden-Papa: senti un po' cosa ha detto una parlamentare cattolica del Pdl, Michela Biancofiore :

    ‘L’eliminazione da parte delle forze Usa dello sceicco del terrore Bin Laden all’indomani della beatificazione di Giovanni Paolo II puo’ essere letta come un nuovo enorme miracolo per il mondo regalato dal Papa piu’ amato che tanto tuono’ contro la rete del terrore in particolare ammonendola con le parole ‘il male e’ accompagnato sempre dal bene’, volendo con cio’ affermare che dietro il male spuntano sempre il bene e la giustizia universale, come dimostrato in queste ore’."

    RispondiElimina
  4. Con la scusa di conoscere bene il problema, l'ubriacone dà lezioni all'astemio.
    E' la sub-versione, come dicevi anche tu, con altri termini, ciò che sta sotto sarà messo sopra, e ciò che sta sopra sarà messo sotto.
    Siccome non vogliamo abdicare, arrenderci, giacchè ci vorrebbero, con questi non-sense 'disarmanti', ci vorrebbero appunto disarmare (culturalmente e spiritualmente), convien che di lor non si parli, tu 'guarda e passa e di lor non ti curare'.
    Ribadisco 'coaguliamoci'!

    RispondiElimina