lunedì 5 agosto 2013

"Chi sono io per giudicare un gay?"

Interrogato sul velivolo che lo riportava in Italia, dopo la visita in Brasile in cui gli alti prelati della curiasi sono allenati sul palco al ritmo di samba per il prossimo carnevale di Rio, il Papa Bergoglio, evito di usare il nome prescelto che usurpa, dice (Il Sole 24 Ore del 4 agosto 2013):
«Io non giudico, se è una persona di buona volontà, chi sono io per giudicare?».
E ancora: «Il problema è fare lobby di qualsiasi tendenza, lobby politica, lobby massonica, e anche lobby gay» .
Pur di non esaltare la castitò e la continenza, che non portano consenso, si è dichiarato favorevole alle cosiddette 'unioni civili tra omosessuali', ma non ai matrimoni gay, con la solita motivazione modernista: per andare incontro ai bisogni sociali....
Nessuno glielo ha detto che la Chiesa persegue o dovrebbe perseguire finalità spirituali trascendenti e non aggiustare, se cosi si può dire, problemi sociali di varia natura come una qualsiasi onluss.

Parole sconcertanti. Si rimane increduli, il dolore è tanto nel vedere, nel renderci conto che il Vicario di Kristo non ha la la consapevolezza diciò che è: ma che razza di Pastore è questo? E' questo colui che è stato incaricato dallo Spirito della custodia e della trasmissione inalterata e inalterabile della Tradizione?

E la famiglia? L'educazione dei figli? L'umiliazione dei nostri vecchi che in tutto ciò hanno creduto e per cui si sono sacrificati? Lora ancora sapevano indicare la Via, anche se privi, o proprio per questo, di istruzione.
Ma la Chiesa di Roma non è nata 50 anni fa, con il Concilio Vaticano II! Come si fa a sputare su milenni di Tradizione? E' bontà francescana questa? O diabolica astuzia gesuitica?

Una sola è la risposta: la perdità della Verità.

La frequentazione di cattivi maestri: massoni e proptestanti. Ma, in primis,  i figli di Giuda, al punto di giungere a celebrare riti congiunti in sinagoga, ed ad inventarne di nuovi per la neonata religione che gli sta tanto a cuore, forse per pavidità, forse per senso di colpa indotto, a lui come a tutti i modernisti: la religione olocaustica con i suoi dogmi: il rituale celebrato nella cattedrale di Buenos-Aires prevede la presenza, in posizione centrale, di sei candele, in commemorazione dei famosi, ed assai discussi, sei milioni di morti dei campi di concentramento.




Considerando poi che il “Papa” neo-eletto ha detto che il suo quadro preferito è la “Crocifissione bianca” di Marc Chagall, vero nome Mosè Sigal, ebreo, quadro a dir poco “ecumenico”, visto che consiste in una commistione sacrilega del Sacrificio di Cristo sulla croce e delle tragiche vicissitudini del popolo ebraico.









Il concetto è che tende a parificare il Sacrificio sulla Croce o la sospensione sul frassino di Wotan-Odino  del Kristo con l'olocausto, e quindi a vanificare la Passione per la redenzione. Quel che Accade è che mentre nel Medio Evo cristiano la Chiesa sostituiva la decripita e superata Sinagoga e la Nuova Alleanza sostituiva l'Antica, con una condanna terribile per coloro che ne sarebbero rimasti legati. Ora la Sinagoga sostituisce la Chiesa nella sua missione salvifica, e fa di essa un veicolo non abbisognoso di salvezza, ma strumento di salvazione e di guida per gli smarriti europei cristiani.

Allora si comincia anche capire meglio da dove viene la dichiarazione del Sig. Bergoglio sui gay: Si capisce a quali maestri si ispira, questo Pastore che spalanca le porte dell'ovile ai lupi.
Ditemi se vi semba poco. Se è questione di dettagli... oppure se non sia in gioco ben altro, se la posta  non è il nostro futuro, una battaglia per la sopravvivenza della civiltà occidentale nel mondo moderno distruttore, sotto attaco sono i livelli, seppur bassi, tuttavia ancora esistenti di umanità del nostro mondo.


Vedasi:
http://www.youtube.com/watch?v=rm3JrCDczXY
http://www.youtube.com/watch?v=BkeaWNH2kCE

1 commento:

  1. Beatrice Bosone6 agosto 2013 10:18

    La Chiesa ha accettato la sua sconfitta!!... le profezie degli "ultimi tempi" si stanno avverando!!.. questo Sig. Bergoglio come fanno a definirlo papa quando il vero ultimo Papa eletto (dallo Spirito Santo) è in esilio, ma ancora in vita?!?!?...
    Il Vicariato di Kristo non è a termine.....a scadenza... solo la morte può far passare il testimone! io trovo questo nuovo sedicente Papa alquanto inquietante!...e le sue dichiarazioni mi confermano il disagio che provo!!

    RispondiElimina